Casale Cremasco - 14/6/2002

Nell' ambito del Casale Rock Festival non poteva mancare l' esibizione delle Custodie Cautelari e del grande Maurizio!!! La serata inizia verso le 11 quando Ettore e soci salgono sul palco e attaccano subito "Come with me", la cover della bellissima "Cashmir" dei Led Zeppelin realizzata da Page e Puff Daddy. Purtroppo fin dall' inizio ci si accorge che l' acustica del tendone è pessima e spesso non si sente molto bene…ma poco importa, tutti sono lì per vedere e sentire il mitico Maurizio Solieri. Nel frattempo l' esibizione delle Custodie prosegue con altre grandi canzoni: da "Around the world" dei Red Hot Chili Peppers, passando per "Walk this way" degli Aerosmith e "Take a walk on the wild side" di Lou Reed, fino a "The end" dei Linkin' Park. Ettore mostra una splendida voce e imbraccia pure la chitarra per il loro pezzo, "Musica". Si continua con dei grandissimi "soli" offerti da Max alla batteria, Paolo alla chitarra e di Mauro al basso: sarò di parte, ma le Custodie sono una delle migliori band italiane che abbia mai sentito! Ma arriva il momento più atteso: Ettore presenta Maurizio, che arriva sul palco in jeans, camicia rossa e portando con sé la sua "Frankenstein" e una Gibson. Il pubblico scatta immediatamente sotto il palco e, dopo un lunghissimo intro durante il quale Maurizio sfrega il manico della "Frankie" sull' asta del microfono e sul povero Paolo, inizia "Lo show". Maurizio si mostra subito in gran forma e lo conferma soprattutto nella successiva "Dimentichiamoci questa città", "Delusa" e in "Jumpin' Jack Flash" degli Stones, dove si esibisce anche alla voce e sfida Paolo in un botta e risposta da brividi a colpi di blues. Dopo aver elogiato le Custodie (più da intenditore di musica che da amico e produttore), Maurizio attacca "Little Wing" di Jimi Hendrix e si esibisce ancora alla voce, che ricorda incredibilmente quella di Hendrix! Prima che Ettore si riprenda il microfono Maurizio lancia un appello ai suoi fan: "Non ascoltate la musica scadente che vi propongono le radio e i gruppi finto alternativi che magari si esibiscono nei centri sociali: ascoltatevi qualche buon CD!!!". Il pubblico scoppia in una ovazione e inizia a saltare sulle note del basso di Mauro, che attacca "Gli spari sopra". La serata continua fra altri pezzi mitici di Maurizio, come "Ridere di te", "Dormi Dormi", la più bella secondo Ettore, "C'è chi dice no" (con il solito lungo intro), e altre cover come "Run to you". Prima di chiudere con la solita, romantica, "Purple Rain", c' è tempo per una versione da brividi di "Liberi Liberi", conclusasi con un splendido solo di Maurizio. Dunque una splendida serata di grande rock! Peccato per l' acustica del tendone: ma non serve l' acustica per capire quanto sono bravi le Custodie e il mitico Maurizio Solieri.