Biografia

Nato il 28 aprile 1953 a Concordia sulla Secchia (in provincia di Modena), all' età di dieci anni si trova fra le mani una chitarra acustica “Eko” da ottomila lire, regalo della madre, ed è amore a prima vista. Completamente autodidatta (a parte i primi rudimenti musicali impartitigli dal maestro della banda del suo paese), si forma durante gli anni di studio attraverso l' avvicendarsi degli sconvolgimenti musicali internazionali, dal Beat al Blues Revival inglese, agli Stones, a Jimi Hendrix e Led Zeppelin, Punk e Police, Joni Mitchell e Neil Young, Progressive e Mahavisnu Orchestra, Van Halen e Metallica. Nel 1977 conosce, alla stazione dei treni di Modena, Vasco Rossi, jeans scampanati e taglio da marine, professione D.J. e fondatore di una delle prime radio private, "Punto Radio". Vasco rimane subito rapito dallo stile chitarristico di Maurizio e da qui ha inizio un lungo sodalizio musicale, prima come conduttore radiofonico, poi come musicista e autore delle musiche di canzoni come "Canzone", "C'è chi dice no", "Dormi, dormi", "Ridere di te", "Lo show", la meno conosciuta “Se è vero o no” ed altre. Maurizio riesce inoltre a comporre riff ed assoli talmente coinvolgenti ed emozionanti nella loro semplicità da costituire un raro esempio di chitarrista in grado di “far cantare” al pubblico le medesime note suonate dalla sua chitarra. Ricordiamo ad esempio due canzoni-simbolo come “Colpa d’ Alfredo” ed “Albachiara”… Migliaia di concerti in tutta Italia, ma anche in Europa e nel mondo, chitarrista in praticamente tutti i dischi di Vasco e dei suoi sempre frequentatissimi tour, musicista tra i più considerati in Italia, vincitore per vari anni del Reader's Poll come migliore chitarrista sulle testate giornalistiche specializzate. Fondatore, assieme a Massimo Riva, della "Steve Rogers Band", dopo tanti anni di militanza come backing-band di Vasco Rossi dai primissimi anni Ottanta al 1987, il gruppo decolla autonomamente nel 1988 con il singolo "Alzati la gonna", scritto dallo stesso Maurizio, che raggiunge la vetta delle classifiche di quella estate. Una volta che la “Steve Rogers Band”, come hanno detto i suoi stessi componenti, esaurisce la sua vena creativa nel 1990, per Maurizio si profila un nuovo ritorno al fianco del Blasco. Con lui condivide la fortunata tournée mondiale del 1991, il successo travolgente delle cinque date italiane di quell’ anno, un tour ed un disco da record come “Gli spari sopra” nel 1993 e l’ emozionante due giorni di rock contro le bombe dell’ ex-Jugoslavia, “Rock sotto l’ assedio” del luglio 1995. Per ciò che riguarda l’ esperienza con Vasco si ha un distacco che durerà quattro anni. Il 31 maggio 1999 muore il grande Massimo Riva, la cui assenza non può che essere colmata sul palco da un “pezzo di storia”, parafrasando una presentazione di Vasco, come Maurizio, il quale porta a termine un nuovo tour da record quale è stato quello di “Rewind”. Da protagonista suona anche nelle date dello "Stupido Hotel Live" del 2001, di fronte a decine di migliaia di persone ovunque. Parallelamente alle attività più conosciute al fianco di Vasco e della “Steve Rogers Band”, Maurizio matura esperienze meno strettamente professionali e più “ludiche”. Negli anni Novanta, assieme ad amici musicisti nonché compagni di fortunate avventure, diventano sempre più frequenti le sue apparizioni in club e piccoli spazi. I suoi gruppi si chiamano “Superjam” con Claudio Golinelli detto Gallo al basso e Daniele Tedeschi alla batteria, poi più di recente nascono i "Class", con lo stesso Gallo più Beppe Leoncini alla batteria, Michele Luppi alle tastiere e cori e Vic Johnson come prima voce. Suona anche in trio con Franco Mussida (della PFM) e con Dodi Battaglia (dei Pooh), nell’ ambito della formazione “Chitarre d’ Italia”. Da ricordare la collaborazione con Fernando Proce risalente al 1997, che diede alla luce il disco “Radioshow” di cui Maurizio ha firmato quasi tutte le musiche nonché naturalmente l’ esecuzione chitarristica. Ora è anche produttore ed arrangiatore del gruppo "Custodie Cautelari" con cui frequentemente propone live nei locali e nei club. Con altri grandi chitarristi italiani gira ora la penisola con uno spettacolo chiamato "La notte delle chitarre". Nel 2003 è uscito il cd dal titolo omonimo, a cui fa seguito un lungo tour in tutta Italia. Il 4 gennaio 2004, si riunisce a Zocca la "Steve Rogers Band", per un concerto-tributo a Massimo Riva.....grande successo!!! In aprile esce il nuovo album di Vasco "Buoni o Cattivi" e Maurizio è autore del brano "Rock' n' roll show". Segue un lungo tour per l'Italia. Nel 2005 Maurizio diventa papà di Eric, nome dato in onore di Mr Slow Hand...anche quest' anno è tour con Vasco. Suona nel cd di Michele Luppi "Strive". Appare al Festival di Sanremo a fianco di Vasco, superospite della kermesse. Nel 2006 procede l'attività live con le Custodie Cautelari e la Steve Rogers Band. Partecipa al cd delle stesse Custodie Cautelari intitolato "L'incoscienza" e, ovviamente, al disco della Steve "Questa sera rock and roll", registrato in presa diretta con canzoni del repertorio del gruppo più alcuni inediti. A Sanremo, durante il Festival, duetta con Dolcenera. A Montecarlo, per il concerto di Natale della Rai, accompagna Skin alla chitarra. Nel 2007 è in tournée per il Vasco Live 2007 nei maggiori stadi italiani, tra giugno e settembre. Numerosi sono i live con la Steve Rogers Band e le Custodie Cautelari. Il 2008 riserva ancora un lungo tour col Blasco tra maggio e ottobre, il Vasco Live.08, come d'abitudine nei grandi spazi all'aperto. Nel frattempo ferve la preproduzione di una "fatica" solista, affiancato dall'amico di sempre Mimmo Camporeale. Nel 2009 partecipa al concertone del 1° maggio in piazza San Giovanni a Roma con Vasco e a settembre iniziano le prove per il tour Vasco Europe Indoor Tour 2009/2010. A ottobre si parte con la data zero di Mantova, per poi proseguire con diverse tappe nei palazzetti di Pesaro, Ancona e Caserta. A dicembre è supporter nei concerti italiani dei Deep Purple assieme al Gallo, Michele Luppi, Adriano Molinari e Mimmo Camporeale. In concomitanza con questo evento esce il singolo Money, anticipazione del suo attesissimo cd che vedrà la luce nel marzo del 2010. Nel 2010 Maurizio sarà impegnato al fianco di Vasco nei live in Italia e all'estero, ma soprattutto è l'anno di uscita del suo primo lavoro solista a suo nome, il cd dal titolo Volume I.